Perché ci occupiamo della Natura

Perché ci occupiamo della Natura

Gli effetti della luce del sole sulla natura, il mutare del colore delle nuvole… quanti indimenticabili e meravigliosi capolavori della pittura ci parlano di natura e di paesaggio. I pittori realizzavano le opere spesso dipingendo en plen air, all’aria aperta, descrivendo il paesaggio e l’ambiente attorno a loro così come lo percepivano, così come la luce ne modificava i contorni.

Dopo 150 anni di rivoluzione industriale è ormai impossibile vedere ancora quei paesaggi, quelle luci e persino i riflessi di quelle nuvole.

L’uso di fossil fuel (petrolio, carbone e gas) in ogni angolo del globo – ad esempio per il riscaldamento e i trasporti – è la principale causa delle emissioni di CO2. Questo accresce il riscaldamento del pianeta alterando il clima: il cosiddetto climate change.

La CO2 e gli agenti inquinanti hanno “scolorito” la luce, il sole e il colore delle nuvole; le conoscenze tecnologiche e industriali insieme all’esistenza di un’economia estrattiva, globale e monetaria (fossil economy), ci fanno appartenere a una natura “moderna” di un altro secolo. La natura dei pittori del XVIII e del XIX può ancora essere contemporanea, ma non più coeva.

L’arte è direttamente colpita dal cambio climatico e dagli agenti inquinanti. Prendere coscienza di quest’altra natura è una sfida per la creatività in generale e per ogni forma artistica in particolare.

Or Not Magazine si occuperà delle nuove interazioni che stanno emergendo in ogni angolo del globo tra creatività e climate change. Vi racconteremo le storie di tutti i creativi che hanno messo al centro della loro ricerca queste interazioni.

La lotta al cambio climatico è un imperativo categorico: come abolire le guerre, ridurre la malnutrizione, la povertà e impedire il lavoro minorile; rappresenta un sfida concreta per tutti coloro che fanno e producono cultura: artisti, i creativi e per chi – come Or Not Magazine -, vuole parlare di questo “nuovo mondo” nato da soli 150 anni.

Illustrazione di Ortica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top