Città: sistemi ecologici urbani

di Abu Lido

 

Le città sono sistemi ecologici urbani dove vivono in contemporanea umani, vegetali, animali e batteri, che interagiscono e coabitano con la materia non vivente, con l’inquinamento e i gas che traspirano dalla terra. I sistemi ecologici urbani non sono comparabili con le città/urbes pre-industriali: l’uso di carburanti fossili è stato elemento cruciale del cambiamento.

Dal 1990, negli USA sono stati finanziati 21 progetti per acquisire dati utili a comprendere come funzionano i sistemi ecologici urbani. Una ricerca moderna che mostra quanto sia obsoleto studiare la città per vederla nei diversi aspetti funzionali di cui è composta. Un ecosistema urbano è più della somma delle parti e la natura non sembra ormai più vivere al di là delle tangenziali.

L’aria in città è una miscela di monossidi, vapore acqueo e gas emessi dal suolo: il livello degli inquinanti promuove la crescita delle piante che a loro volta raffreddano l’aria, ma riducono la visibilità per il traffico, possono favorire il crimine e frenano i venti che spazzano via polveri e prodotti delle combustioni. Nel frattempo politici e amministratori discutono se ridurre il budget per la manutenzione del verde, mentre tonnellate di pompelmi, fertilizzanti, pane, conserve di pomodoro e aromi balsamici arrivano sui banchi dei negozi grazie a furgoncini che aumentano le emissioni urbane di CO2. Le trasformazioni dei batteri continuano incessantemente e l’acqua risucchiata dalle falde viene usata al ritmo di 200 litri al giorno per abitante.

Studiare tutto questo significa riunire fisici, economisti, biologi, forestali, sociologi, medici insieme a una raccolta dati sistematica, continua e completa. Comprendere il sistema ecologico urbano non solo promuove azioni nuove per affrontare il riscaldamento globale, ma modifica anche l’idea di ambiente e natura che oggi ci appartiene. Già sfidata dai cambiamenti climatici, la nostra immaginazione cambierà quando apprenderemo fatti nuovi e connessioni non ancora immaginabili.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top